Operatore Olistico

Premessa

Esserci è un Ente di formazione per Operatore olistico di 450 ore complessive, di cui 168 ore di teoria e laboratori, 50 ore di studio, 47 ore di ricerca, 35 ore di preparazione per la tesi ed esame, 135 ore di tirocinio e 15 ore di valutazione annuale.

I requisiti per l’ammissione sono: diploma di scuola secondaria di primo grado (Media inferiore) ed un colloquio con un docente finalizzato alla valutazione di motivazioni, attitudini e curriculum personale.

Dopo il conseguimento del titolo di Operatore olistico, il partecipante avrà la possibilità di accedere al secondo anno del percorso di formazione per Counselor Esserci. L’ingresso sarà subordinato alla presentazione della valutazione scritta del proprio percorso formativo, una valutazione in gruppo e ad un colloquio con i responsabili della formazione sul raggiungimento degli obiettivi formativi dell’anno.

Al termine dell’anno è richiesta una tesi di 30 cartelle ed un esame finale. Per l’acquisizione del titolo di Operatore Olistico con la CNV e l’Approccio Corporeo Relazionale, oltre al superamento dell’esame finale è obbligatoria la presenza ad almeno l’85% delle lezioni.

L’Operatore Olistico con la CNV e l’Approccio Corporeo Relazionale

L’Operatore Olistico è un facilitatore della salute e dell’evoluzione integrata. Attraverso la Comunicazione Nonviolenta e l’Approccio Corporeo Relazionale stimola un naturale processo di armonia psico-fisica e di crescita della consapevolezza di sé.
L’Operatore Olistico, con la Comunicazione Nonviolenta e l’Approccio Corporeo Relazionale, vuole sviluppare il contatto con la ricchezza e l’intensità della vita presente in ogni essere umano, ad ogni istante.
L’Operatore Olistico non è un terapeuta, non fa diagnosi e non cura malattie fisiche o psichiche; non prescrive medicine o rimedi, quindi non si pone in conflitto con la medicina ufficiale e con la legge rischiando l’abuso della professione medica; anzi collabora, la sostiene e la integra con le sue competenze olistiche, al fine di promuovere il benessere globale delle persona.

Cenni sulla Comunicazione Nonviolenta

La CNV concepisce l’essere umano come naturalmente tendente verso la vita, verso la soddisfazione dei bisogni umani universali, per la piena realizzazione delle proprie potenzialità.

La CNV fornisce un metodo per sostenere il modo naturale di funzionare, di pensare, di comunicare e di parlare collegati alla vita presente ad ogni istante, ai sentimenti, alle sensazioni e ai bisogni vivi in noi in un determinato momento, nei diversi contesti della vita, in relazione a se, agli altri e al mondo.

L’operatore olistico, con la Comunicazione Nonviolenta, diventa consapevole delle abitudini acquisite attraverso l’educazione che lo allontanano dalla propria natura. Riapprende e consolida il proprio modo di funzionare, pensare, comunicare e parlare umano.

L’accento della formazione è posto sulla qualità di presenza a sé, in relazione al proprio corpo, cuore, mente e spirito. Particolare attenzione viene data al rapporto con il proprio corpo, alle sensazioni che si provano, alla tonicità, alla postura che si assume, per esplorare diverse opportunità di relazione con se stessi, con gli altri, con la terra, con la natura e l’ambiente che ci circonda.

Una parte del percorso viene impiegata per esplorare una comunicazione interiore basata sull’accoglienza e il contatto con i propri bisogni, anziché sui giudizi, sulle pretese, sul senso di colpa, la vergogna, il premio e la punizione.

La CNV stimola al contatto con i sentimenti che proviamo causati dai bisogni umani presenti in ogni istante.

L’accento ovviamente viene contestualmente posto sulla vita che si manifesta nell’altro ad ogni istante.

Cenni sull’Esplorazione Corporeo relazionale

L’Esplorazione Corporeo Relazionale è uno proposta di ricerca che permette ad ogni partecipante di contattare la propria esistenza in rapporto a se stesso, agli altri e al mondo in cui evolve.
Questo corpo che noi siamo, luogo della nostra “presenza”, riceve ed esprime tutta la complessità delle nostre interrelazioni uniche al mondo, in una sintesi immediata da cui può emergere il significato.
Gli obiettivi che si pone sono:
– Tentare di dare spazio a ciò che è presente in ognuno, all’esperienza corporea relazionale vissuta nell’interazione, qualunque essa sia. Che cosa ci abita? Come viviamo quello che ci succede?
– Fare esperienza della parola, come prolungamento della stessa esperienza corporea relazionale.
– Fare esperienza del Gruppo non come entità separata: cosa riceviamo dal gruppo? Cosa ci rivela di noi stessi?

La relazione, in ciò che ci permette di vivere, genera tutta una serie di sentimenti, ci tocca nella nostra carne, immobilizza la “nostra materia”, il nostro corpo. A volte ci apre lo spazio per essere, spazio che noi non possiamo sempre raggiungere da soli. Collaudata nella durata, questa esperienza permette che un movimento di trasformazione sottile, discreto e di cui prendiamo spesso coscienza solo a posteriori, possa generarsi e continuare a vivere in noi. Questa ricerca, senza averne l’obiettivo, potrebbe rivelarsi persino ”terapeutica”. Non per la conoscenza che si acquisisce, ma per l’esperienza comune che tutti noi facciamo gli uni con gli altri e che lentamente può esistere così com’è.

Sintesi delle materie di insegnamento

Ecco, in breve, una sintesi degli insegnamenti e delle principali discipline del programma di formazione per l’Operatore Olistico “Esserci”:

– Professione dell’Operatore Olistico
– Deontologia professionale
– La Comunicazione Nonviolenta: filosofia, metodo e pratica, nella relazione con
se stessi, gli altri e il mondo.
– Ricerca corporeo relazionale
– Focusing
– Esserci nella scrittura
– Ricerca attraverso la creatività
– Medicina olistica